Friday, February 10, 2006

GUIDA PERICOLOSA


Anche oggi c’e’stato un bell’incidente. Non mi fraintendete, non e’ che sono una di quelle che godono quando vedono un incidente, per carità, dico bello nel senso che hanno fatto un gran botto e nella maggior parte dei casi non si fa’ male nessuno.
Ad ogni modo mi stavo preparando un caffé per cercare di risollevarmi dallo stato di ameba e passare a quello di plancton, quando sento uno schianto. Sbircio dalla finestra e ad un certo punto in mezzo alla strada compare nonna Belarda che urla e guaisce. Sembrava una di quelle donne vestite a lutto che pagano per andare al “Muro del Pianto” a piangere davanti una lapide. Si agitava tutta ed inveiva, non era però chiaro verso chi. A parte la sua auto con il cofano sfondato non si vedevano altri automezzi coinvolti. La nonna non demordeva e continuava il suo piagnisteo rivolto probabilmente ad un ologramma. Dopo circa un’oretta, e’ arrivata anche la polizia. Eh, quelli c’han ben altro da fare che venire a sentire una vecchia urlatrice. Con la lena di un ghiro appena uscito dal suo letargo invernale, il signor agente scende dalla volante e si dirige verso il luogo dell’olocausto.
Poi cerca il suo notes e affonda le mani nelle tasche del giubbetto, non senza problemi, viste le dimensioni del suo addome. Cominciano le interviste e a quel punto capisco che forse il camioncino parcheggiato in una strada laterale era il secondo mezzo coinvolto. Impossibile capire la dinamica dell’incidente. A questo punto ho lasciato la zona della sciagura per una destinazione ignota.
Purtroppo i Newyorkesi non e’ che sono delle faine alla guida, sono dei veri cani!

4 Comments:

Anonymous Anonymous said...

ché Bestia!

3:39 PM  
Blogger Nikita said...

Chi, il cane o l'agente-ghiro?

6:59 PM  
Anonymous Felson said...

Entrambi?

11:09 AM  
Blogger Nikita said...

Mettiamoci dentro pure nonna Belarda che urlava come una bertuccia!

1:10 PM  

Post a Comment

<< Home