Monday, October 09, 2006

CASE PER SOGNARE



Son tempi duri. Qui la bolla immobiliare e’ ancora bella gonfia. Un appartamento con due camere e due bagni sulla trentesima si aggira su $ 1.100.000 dollari, la stessa metratura, un po’ più a nord $ 1.400.000 dollari.Non c’e’ trucco, non c’e’ inganno e non c'e’ il garage. Avete letto bene. Non e’ che ho esagerato con gli zeri. Intanto quegli aguzzini dei venditori immobiliari organizzano assaggi di vino e Vol-au-Vant all’Asiago in crema d’asparagi per i clienti interessati a dare un’occhiata all’immobile. Ma chi e’ che acquista? Naturalmente loro, i Vip. Dall’ultimo gossip sembra che la coppia più bella e arrogante del mondo abbia deciso di trasferirsi qui. Che bello! Non vedo l’ora di avere Victoria “Spice” Beckham come dirimpettaia. Potremmo andare a farci le meches insieme.
E i Newyorkesi cosa fanno? Emigrano verso il New Jersey e la Pennsylvania e poi fanno i pendolari, per aggiungere un po’ di stress alle loro vite così Zen ma non tutti. Alcuni non amano spostarsi, al massimo si rifugiano nel Bronx, dove le sparatorie continue calmierano i prezzi, altri realizzano il proprio sogno di dimora perfetta tra le mura domestiche.
Abbandonata l’idea di usare la casa di Barbie, un plasticone decisamente kitsch e sempre invasa dall’eterno fidanzato Ken, hanno trovato l’uovo di Colombo in un piccolo negozio dell’Upper East Side: case in miniatura. Si acquistano in un pratico kit con istruzioni in allegato per chi vuol far tutto da sé, oppure possono essere montate e poi consegnate a domicilio. La piccola bottega dei sogni offre varie tipologie di case e si possono richiedere anche della modifiche personalizzate, senza esagerare. La residenza di Versailles non e’ contemplata dal catalogo, più che altro perché non entrerebbe in un appartamento dal format newyorkese. Oltre alla casa dei sogni, si decidono anche gli optional: moquette o parquet, carta da parati o pareti affrescate, caminetto, biliardo…anche la razza del cane che deve fare la guardia e la tazza del water. Una volta definiti i dettagli, si passa all’acquisto dell’arredamento, evitando così anche le folli visite all’Ikea in compagnia di comitive di umanoidi allo stato brado che rincorrono nugoli di mocciosi con la faccia incrostata di ketchup e le dita unte di french fries acquistate alla mensa e le gestanti con le caviglie a salvagente che tirano il fiato sulle sedie a dondolo modello Ps Axvall. I prezzi sono più o meno gli stessi, considerato che un set da bagno in porcellana costa $ 68 dollari e il tavolo da giardino in ferro battuto con quattro sedie costano $ 38 dollari ma vale la pena. Tutta roba di lusso. E poi e’ un ottimo passatempo domenicale. C’e’ gente che espone in salotto ben sette abitazioni in miniatura con tanto di impianto elettrico, vasca Jacuzzi e alberello di Natale con le luci intermittenti. Non e’ fantastico?

12 Comments:

Anonymous Placida Signora said...

Mercoledì prossimo firmerò compromesso per casa nuova. mi terrorizza pensare alla ristrutturazione...Tu dici che se compro quei cosi e li annaffio, cresceranno come mobili/pareti/bagni normali?
;-*

6:03 AM  
Blogger rudido said...

no direi che più che fantastico è assurdo...
ma la bellezza di essere stupiti da tali comportamenti dove la vuoi mettere?

:)
hola

9:03 AM  
Blogger Nikita said...

placidasignora: prova.
rudido: questo e' uno dei meravigliosi motivi per cui vivere a NY e' un'esperienza unica.

9:15 AM  
Anonymous Francesca said...

tu sei stata ospite in questi sa,otti che mostrano le miniature descritte? questa moda fa tanto paris hilton con il suo cagnetto micro

10:24 AM  
Anonymous Felson said...

Ibsen docet.

3:32 PM  
Anonymous Oby said...

Io dico solo: se becchi la signora Beckam, foto!!

6:53 PM  
Anonymous Anonymous said...

All'Ikea di Padova non vedi bimbi impiastricciati di ketchup e french fries, ma la categoria umanoide è molto diffusa. E comunque questi finlandesi ne sanno una più del diavolo: mi hanno dato un sacco d'idee! Il mio portafogli ringrazia. Sono curioso invece di provare le loro polpettine al ristorante interno.
8-)

9:16 PM  
Blogger rudido said...

"chi non vive a N.Y. non sta facendo sul serio"

5:24 AM  
Blogger Nikita said...

francesca: si. E non e' il tipo di collezione da fare per abbellirsi la casa.
felson: non se se Ibsen aveva i vassoi con la frutta finta e il paniere con il formaggio.
oby: OK. Spero solo di non beccarmi un pressing ultraoffensivo dal marito calciatore.
anonimo: facci sapere delle polpette.
rudido: delle serie: "quando il gioco si fa duro, i duri comincaino a giocare."

8:34 AM  
Blogger BONNIE73 said...

Ciao, ho trovato il tuo blog oggi e mi sono divertita a leggere un po' dei post in archivio. Davvero carino, complimenti.
Sono una patita dell'america e a NY sono venuta nel 1997 ma stò organizzando un giro dell'est per la prossima estate e naturalmente tornerò. Intanto prenderò idee dai tuoi racconti e ti invidierò molto perchè vivi lì.
Ciao

9:22 AM  
Blogger el Niño said...

quando arriveranno i coniugi beckham a new york non si accontenteranno certo di due bagni e due camere... dovranno riuscire a trovare un secondo beckhingham palace.

mentre cercano ho sentito che un'altra coppia molto discreta e poco kitsh, li ospiterà a casa loro. si tratta dei coniugi pitt, che vogliono beckham per dare lezioni di calcio al piccolo maddox...

al peggio non c'è limite.

1:53 PM  
Blogger Nikita said...

bonnie73: ciao bonnie! Grazie per esserti divertita. E...a presto.
el nino: che classe questi vip!

12:05 AM  

Post a Comment

<< Home